Uniamo le menti esistenti

in combinazioni nuove che siano utili, forse.

Touch the surface… by Jay Watson

“A deceptively understated design with a dynamic twist,” as described by its creator, the thermal-sensitive surfaces of this pair of furniture pieces turns temporary interactions into lingering visual memories. Coasters, of course, leave a watermark – as they might, by accident, on an ordinary hardwood furnishing … but so do your arms and legs, leaving its creator (Jay Watson) to ask in its tile that you Linger a Little Longer. Bonus: touching the surfaces with something hot reveals the wood grain below.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 21, 2011 da in arte, curiosità, design, life, Uncategorized.

Che ci frulla in Twitter?

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: