Uniamo le menti esistenti

in combinazioni nuove che siano utili, forse.

La filosofia di Homer Simpson

Spizzechi e bocconi di un libello niente male (uscito a Natale anche in una bruttissima edizione economica). A volte noioso, a tratti banale, contiene però alcuni spunti davvero notevoli. Vale la pena anche solo per quelle due pagine di saggezza.

Homer e Aristotele
di Raia Halwani

Se lo si valuta dal punto di vista morale, Homer Simpson non se la cava affatto bene. Questo è anche più vero se ci concentriamo sul suo carattere invece che sulle sue azioni (non che in quest’ultima categoria lui sia esattamente un brillante). Eppure, in qualche modo, in Homer resta comunque qualcosa che è eticamente ammirevole. E ciò suscita la seguente domanda: se Homer Simpson se la cava pittusto male dal punto di vista morale, come fa a essere ammirevole? Indaghiamo sulla questione

I tipi di carattere di Aristotele

Aristotele ci ha fornito una categorizzazione logica di quattro tipi di carattere. Grosso modo, e lasciando da parte i due tipi estremi di carattere, il superuomo, la bestia, il virtuoso, il continente, l’incontinente e il vizioso. Per capire meglio ognuno di questi tipi, compariamoli tra loro ,come si manifestano sotto forma di azioni, decisioni e desideri. Inoltre, prendiamo come esmpio una specifica situazione e vediamo come ogni carattere reagisce nel contesto. Supponiamo che qualcuno, chiamiamola Lisa, stia camminando per strada e trovi un portafoglio che contiene parecchi soldi. Ora, se Lisa fosse virtuosa, non solo deciderebbe di consegnare il portafoglio alle autorità competenti, ma lo farebbe volentieri. I desideri di Lisa andrebbero di pari passo con la sua giusta decisione e la sua giusta azione.

Passiamo adesso a Lenny, che è continente: se fosse Lenny a trovare il portafoglio, sarebbe capace di decidere nel modo giusto – cioè di restituire il portafoglio intatto – e sarebbe capace di dare seguito con l’azione alla sua decisione, ma lo farebbe andando contro i suoi desideri. E’ questa la caratteristica del continente: per fare la cosa giusta deve lottare contro i suoi desideri.

Le cose peggiorano con l’incontinente e il vizioso. L’incontinente è capace di formulare la decisione corretta su cosa fare, ma la sua volontà è debole. Nel caso del portafoglio, e supponendo che il nostro incontinente sia Bar, soccomberebbe al proprio desiderio di tenersi il portafoglio e quindi non agirebbe in modo adeguato, anche se sa che tenersi il portafoglio è sbagliato. Per quanto riguarda il vizioso, non abbiamo invece né lotta contro i propri desideri, né debolezza di volontà. Questo perché la decisione del vizioso è moralmente sbagliata e i suoi desideri l’assecondano pienamente. Se Nelson fosse vizioso, deciderebbe di tenersi il denaro (gettando via il portafoglio o restituendolo mentendo sul suo contenuto), seguirebbe pienamente il suo desiderio di farlo e lo farebbe sul serio.

Guardiamo più da vicino ciò che rende virtuosi.
È virtuoso chi possiede le virtù e le esercita. Tuttavia le virtù sono condizioni (o tratti) del carattere che dispongono ,chi le possiede, ad agire nel modo giusto e a reagire emozionalmente nel modo giusto. Dati questi elementi, comprendiamo quindi perché Aristotele abbia tanto insistito sul fatto che le virtù sono condizioni del carattere che riguardano sia l’azione che il sentimento (Etica Nicomachea, libro II, in particolare 1106b15-35). Per esempio, se una persona ha la virtù della benevolenza, allora sarà disposta a mostrarsi caritatevole verso le persone nelle giuste circostanze. Non darebbe soldi al primo che glieli chiedesse. Il virtuoso deve sapere che il suo beneficato ha bisogno di denaro e che lo userà correttamente. Inoltre, anche la reazione emozionale del virtuoso è appropriata alla situazione. Ciò vuol dire che il benevolo del nostro esempio darà il denaro volentieri, non rimpiangerà di averlo dato e sarà spinto a darlo dalla situazione precaria del suo beneficato. Di contro, il continente non si separerebbe dal suo denaro con tanta felicità, e ciò non perché ne abbia bisogno e non possa cederlo, ma perché è incline all’avidità o perché sovrastima il bisogno che potrebbe avere in futuro del denaro in questione.

Un commento su “La filosofia di Homer Simpson

  1. Gio
    gennaio 13, 2011

    All’open day della mio liceo l’anno scorso avevano fatto un’aula sui Simpson: ero tornato a salutare i “vecchi” prof e mi sono stupito di quel che vedevo!

    La conclusione era simile a quella che descrivi tu: i Simpson alla fine possono essere anche una famiglia modello, compresi proprio tutti i loro limiti debitamente ampliati come a teatro -senza stare ad arrivare fino ai greci anche se si potrebbe ;)- perché lo spettatore se ne renda più conto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 12, 2011 da in curiosità.

Che ci frulla in Twitter?

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: