Uniamo le menti esistenti

in combinazioni nuove che siano utili, forse.

Chiudi il cancello che le pecore sono scappate…

A parte che spendere soldi per questo coso mi sembra una cosa da “tronisti e calippo” ma non voglio scendere nel merito del -cattivo- gusto personale. Si chiama marketing ed è fatto apposta per venderci ciò di cui non abbiamo bisogno. Vero è che l’Antitrust in Italia si sveglia sempre quando ormai di braccialetti ne hanno venduti milioni… Sarà un caso!…

Il braccialetto ‘tormentone’ dell’estate Power Balance finisce sotto la lente dell’Antitrust. L’Autorità garante della concorrenza ha infatti avviato un’istruttoria per una “possibile pratica commerciale scorretta” nei confronti delle società che distribuiscono il prodotto che promette ‘forza ed equilibrio’.

L’istruttoria è stata avviata in base al Codice del Consumo, che definisce scorretti i comportamenti delle aziende in grado di indurre in errore il consumatore medio sulle caratteristiche principali dei prodotti venduti quali, ad esempio, i risultati che si possono attendere dal loro uso o i risultati e le caratteristiche fondamentali di prove e controlli effettuati sui prodotti. Quanto alle due società, si tratta di Power Balance Italy, società distributrice per l’Italia dei prodotti a marchio Power Balance e di Sport Town, società che commercializza i prodotti stessi. Le due aziende, nelle loro comunicazioni commerciali, attribuiscono ai colorati braccialetti di silicone e di neoprene, che stanno diventando l’oggetto ‘cult’ dell’estate, effetti positivi sull’equilibrio, sulla forza, sulla flessibilità e sulla resistenza fisica di chi li indossa.

Caratteristiche estese alle collanine con ciondolo che completano la gamma. In base al procedimento avviato dagli uffici dell’Autorità le due società dovranno, entro i prossimi 15 giorni, fornire un’idonea documentazione medico-scientifica sulle proprietà e gli effetti sul corpo umano attribuiti ai prodotti, compresa “l’istantanea efficienza dei sistemi elettronici chimici e biologici dell’individuo”. Entro lo stesso termine dovrà essere provata l’assenza di eventuali controindicazioni per la salute e la sicurezza dei consumatori che possano derivare dall’uso dei prodotti. fonte ANSA.it

Un commento su “Chiudi il cancello che le pecore sono scappate…

  1. andrea
    agosto 4, 2010

    guardate che hanno proibito di usarlo nelle gare di surf. se non avesse effetti perchè lo avrebbero proibito? ehhhh😀 io l’ho provato e sono riuscito a correre per un metro senza avere il fiatone!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 3, 2010 da in curiosità, markettig.

Che ci frulla in Twitter?

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: