Uniamo le menti esistenti

in combinazioni nuove che siano utili, forse.

Diesel

3851901017_78dacff5b4_b

Il motore è acceso, ma si fatica a iniziare il lavoro. Troppo caldo, troppe cazzate in giro, tutti ancora in ferie per la cassa integrazione. Poi si sente che Jackson è vivo e quasi uno non ci crede. Ma è un viral oppure è una casa di produzione che si vuole fare pubblicità? O magari è vero. E’ solo che in questo mondo di cose finte si fatica a riconoscere la realtà. Oppure il reale non è reale se la gente ne parla e ne inventa ancora. Almeno nei libri c’è l’ultima pagina o la speranza che l’autore muoia e non riesca a scrivere altro. Tra i redivivi c’è l’onnipresente Lapo con la sua agenzia Indipendente (da chi?) che si compra i clienti con i fondi di investimento americani e poi gli fa la pubblicità. I suoi creativi che fanno -me li vedo- a gara per dirgli quanto sia geniale e che bello sarebbe usare la sua foto per la campagna. Oddiomio sento già l’accento del leccaculo. E suo padre che si mette con la donna più potente d’Italia che, guarda caso, ne tesse le lodi ovunque. Come dire che così è facile fare new business. Ah si, ma lui dice che non sfrutta la holding di famiglia e strappa le lacrime anche al Cherubino nazionale che lo intervista su GQ -le domande la ha fatte davvero lui??-. Stella di david sulla chiappa destra e quella della Juve sulla sinistra. Ci manca solo la svastica e il crocifisso davanti e uno poi è pronto per ogni evenienza. Per fuggire dalle repliche di Incantesimo si fugge sul web, anche se in Italia, tra Facebook e Twitter sembra che non esista altro. Intanto il mondo corre e passa oltre, la gente per bene lavora e inventa. Ma non siamo noi, no, stavo parlando degli svedesi. Noi riempiamo di liqualmi la grotta azzurra e non facciamo la differenziata. Noi dedichiamo uno speciale con Marzullo alla magnificenza di Vespa che per l’80% degli italiani è un genio e un campione di giornalismo liberale. Beati quelli che non sanno perchè dormiranno senza tavor. Se poi si scopre da un’indagine inglese che l’80% degli italiani forma la propria opinione politica sulla TV allora si capisce tutto. Se poi, per farsi del male, sotto l’ombrellone uno si legge PAPI di Travaglio&C smette di mangiare per una settimana e trova molte risposte a quesiti rimasti insoluti durante l’anno -ad esempio il perchè di tutte queste soap con attrici penose-. La Figa vince, vinceva e vincerà sempre (se te la dà). Altro che reality, soldi, fama ecc… bastano le vergini nell’aldilà per convincere un martire. E se poi uno nemmeno deve morire, tanto meglio. Ma voglio rilassarmi e preparo i fagiolini. Nel mentre sento al telefono un amico fotografo che a 50 anni è costretto a cambiare vedute e buttarsi sul web. Si perchè in Italy adesso tutti fanno web. Mio zio, mio cugino, un lontano cognato… basta saper accendere un computer che subito si mette su una bella agenzia a prezzo McDonald’s. Tanto per fare casino. Poi senti quelli che il web lo fanno da 10 anni e ti dicono che stanno mettendo su una casa di produzione, poi senti quelli che fanno video da un tot e ti dicono che hanno aperto anche il reparto grafica pubblicitaria (si, in provincia la chiamano così)… ed è qui che arriva la vertigine. Quella vera, da farmaco. Quella che ti fa maledire il giorno in cui non hai detto a tuo padre che volevi entrare in quel cazzo di corpo dei pompieri. A bruciare la fagiolata di Trinità ci pensa la premiazione di Noemi come talento emergente. Sull’ANSA. E non dico che magari in ginocchio non possa essere un talento emergente. Se poi hai più di 70 anni e il tuo migliore amico è Fede… C’è la Brambilla che presenta il magnifico Marchio della qualità italiana corredato di portale, roba da terzo mondo slavo, che nessun cliente commerciale avrebbe preso sul serio ne tanto meno pagato. E invece no, le mie tasse sono andate li, all’istituto che ha fatto il marchio -che percasosiproprioquellodove Noemi studia grafica??? Manoooooo che pensate mai!!-  E li ringrazi Dio per la bellezza del creato e le altre stelle. E arrivi persino a ringraziare Dell’Utri per la sua passione per i libri antichi. Poi pensi: Adesso potrei essere capo dei Pompieri, me ne sbatto le balle col cherosene! Ma scelgo di non spegnere il cervello e posto un paio di cose su FB quando arriva il pacchetto sicurezza. Scopro quindi che se vado in bici e -ad esempio- salgo sul marciapiede, mi tolgono i punti della patente come se fossi salito con un SUV da 9 tonnellate. Se poi bevo 2 birre e mi beccano sulle due ruote, mi sequestrano il cazzo e finisco con gli alcolisti senza patente per mesi. Non è facile sapete, in una città come Verona, dove nn ci sono piste ciclabili e tutto ruota intorno a Vicentini (concessionario VW) che va a braccetto con la politica da 30 anni. Andare in bicicletta qui è un incubo, senza bisogno di metterci anche i vigili, i punti e le multe. Penso a tutto questo e mi chiedo a cosa serva lottare. Ma poi mi incazzo e vado avanti con la mia domanda di adesione al corpo dei Pompieri di Merano. Buon 11 settembre a tutti.

2 commenti su “Diesel

  1. LaSu
    settembre 7, 2009

    Ma guarda un pò chi ci trovo.. sotto l’ombrellone a leggere.. qualcuno che conosco bene? Considerando chi ha scattato la foto si!!! Ebbravo YAN! Bell’articolo! Sono con te…

  2. jan
    settembre 7, 2009

    bella la foto direi!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 28, 2009 da in curiosità.

Che ci frulla in Twitter?

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: